I prerequisiti agli apprendimenti: come stimolarli nei bambini? Dai 5 anni

Tra i prerequisiti agli apprendimenti scolastici essenziali per poter imparare a leggere e scrivere ci sono si le abilità grafo-motorie, ma anche quelle che in gergo tecnico sono chiamate “competenze metafonologiche”.

Ed è verso i 5 anni che i bambini iniziano a sviluppare tali abilità. La loro capacità attentiva è più elevata e rivolta non solo al significato delle parole, ma anche alla loro forma.

Infatti la metafonologia si basa sulla capacità di percepire e riconoscere per via uditiva i fonemi, cioè i suoni che compongono le parole, e di elaborarli operando adeguate trasformazioni.

Nello specifico le competenze metafonologiche si suddividono in globali e specifiche.

Competenze metafonologiche globali:

  • Riconoscimento della sillaba iniziale di parola (es. con che sillaba inizia la parola PANE? Con PA. Quali altre parole iniziano con PA?ES. PASTA, PATATA, PACCO,…)
  • Riconoscimento di rime (es. quale parola fa rima con “MELA”? Ramo o Vela? “VELA”).
  • Fusione sillabica, cioè a partire dalla sillabazione unire la parola (es. PE-RA diventa PERA)
  • Segmentazione sillabica, cioè a partire dalla parola intera spezzare in sillabe (es. CASA diventa CA-SA, CAMINO diventa CA-MI-NO)
  • Discriminazione uditiva di suoni in coppie minime di parole (es. CANE-RANE sono uguali o diverse?)
  • Discriminazione uditiva di suoni in coppie minime di non parole (es. RAPO-LAPO sono uguali o diverse?)

Competenze metafonologiche analitiche:

  • Fusione fonemica (es. P-A-N-E diventa PANE)
  • Segmentazione fonetica (PANE diventa P-A-N-E)
  • Parole in rima (es. CANE fa rima con PANE)
  • Delezione della sillaba iniziale o del fonema iniziale o della sillaba finale della parola (es. CASA senza la sillaba iniziale diventa SA; CASA senza la sillaba finale diventa CA)
  • Inversione di sillaba o del fonema inziale tra parole (es. TASCA e VELA scambiando il fonema iniziale diventano VASCA e TELA)
  • Fluenza fonemica: fare l’elenco di parole che iniziano con un determinato fonema (es. parole che iniziano con P: Pane, Pizza, Pera, Purè, Paura, Pioggia,…)

Tutte queste abilità possono essere sviluppate e incrementate a partire dai 5-5 anni e mezzo e sono fondamentali per poter in seguito imparare a leggere e a scrivere.

Oltre alle abilità metafonologiche sono molto importanti anche le seguenti abilità:

  • Abilità grafo- motorie: allenare la motricità fine, la coordinazione oculo manuale è fondamentale per apprendere a scrivere, disegnare, rappresentare segni chiari e comprensibili che diventeranno in futuro lettere, numeri, parole, frasi, problemi, espressioni, insiemi, figure geometriche,…
  • Abilità visto-spaziali: sapere riconoscere un elemento, un segno, una lettera, un numero, un disegno uguale/diverso, individuare l’elemento o gli elementi mancanti, ricercare a livello visivo nel foglio, ordinare nello spazio,… (fondamentale e di solito consigliata è una visita oculistica di controllo prima dell’ingresso alla scuola primaria)
  • Linguaggio: comprensione e produzione verbale. Un linguaggio sviluppato e adeguato sia in comprensione che in produzione è la base fondamentale per accedere agli apprendimenti. Ricordiamo che chi arriva alla scuola primaria con una difficoltà/un disturbo del linguaggio persistente, non trattato o non risolto, ha 5 volte in più la possibilità di sviluppare un disturbo di apprendimento. Fondamentale è la presa in carico logopedia in età prescolare per prevenire un futuro DSA (Disturbo Specifico di Apprendimento).
  • Abilità logiche: saper analizzare gli elementi, trovare soluzioni, allenare il pensiero critico,
  • Funzioni esecutive di base : attenzione e memoria. Nello specifico: attenzione selettiva, attenzione sostenuta, attenzione divisa , memoria di lavoro, memoria fonologica, memoria sequenziale, memoria visiva. Tutte funzioni esecutive di base indispensabili per gli apprendimenti

Nella pratica: come allenare tutte queste funzioni?

Sicuramente l’esperienza aiuta tantissimo, ma possiamo accompagnare i nostri bambini attraverso materiali specifici, alla loro portata, che possano essere divertenti e favorire l’apprendimento sviluppando un’attitudine sana e serena.

Ecco le mie proposte tutte disponibili su Amazon www.amazon.it

La casa editrice Vestigium ha ideato e pubblicato una collana di libri denominata “Primo Volo” ad hoc per allenare tutte queste abilità. Per bambini dai 5 anni in su, per prepararsi all’ingresso della scuola primaria. Il grande merito a mio avviso è che non si sono soffermati solo allo sviluppo delle abilità grafo motorie, ma hanno inserito tantissime attività metafonologiche e di linguaggio che molto spesso invece non vengono considerate.

I primi tre che vi propongo infatti si soffermano su molte competenze di prerequisito, suddividendo i libri con giochi ed esercizi per aree di competenza. Gli ultimi due invece sono dedicati nello specifico nelle abilità grafo motorie.

Vediamo ora insieme ogni singola proposta nel dettaglio:

“Verso la scuola primaria” di Giulia Alfieri Casa editrice Vestigium

Il libro è suddiviso in 5 parti, ognuna dedicata a una differente area di competenza:

  • Verbale (comprensione di frasi, suono iniziale, sillaba, rime)
  • Logico matematica (conta e colora, molti/pochi, nessuno/alcuni, grandezze, addizione, sottrazione, più o meno)
  • Grafo-motoria (labirinti, unisci i puntini e pixel art, quest’ultima a mio avviso troppo complessa, adatta per i più grandi)
  • Logica visiva (collegare l’ombra, la parte mancante, trova l’intruso, fuori posto, l’immagine più adatta, l’ora, indovinelli)
  • Orientamento spazio temporale (sopra/sotto, dentro/fuori, davanti/dentri, destra/sinistra, cerca/trova, prima, durante e dopo)

Lo scopo è quello di attivare le innate capacità dei bambini attraverso giochi ed esercizi che siano al contempo divertenti e didatticamente efficaci. A noi è piaciuto tantissimo e per ora è in testa tra i nostri preferiti.

Tutti pronti per la scuola primaria” di Giulia Alfieri Casa editrice Vestigium

Destinato ai bambini dai 5 anni in su, propone divertenti attività per allenare attenzione, logica, intuito e capacità grafomotorie. E’ diviso in 4 sezioni:

  • Area verbale (comprensione di frasi, suoni simili, indovina, chi ha?chi non ha?, completa, chi ha parlato?, a chi parliamo?) in questo libro ci sono attività dedicate al livello pragmatico, cioè all’uso che facciamo della lingua.
  • Area grafo motoria (unisci i puntini, segui la legenda, labirinti, cornicette, lettere)
  • Area logica visiva (collega l’ombra, l’immagine più adatta, completa la serie, il disegno mancante, trova le differenze, la parte mancante, indovina, collega gli opposti, fuori posto, collega le immagini, trova l’intruso)
  • Area logico matematica (più alto, più piccolo, conta e colora, quante dita?)

“Allena l’intelligenza per la scuola primaria” di Alessia Desiato e Giulia Alfieri Casa editrice Vestigium

Giochi ed esercizi per sviluppare i prerequisiti di logica, attenzione, calcolo, linguaggio, orientamento spazio temporale. Destinato ai bambini dai 4 anni in poi, propone attività dedicate alla capacità di comprendere i nessi logici nell’area linguistica, nel precalcolo e nell’area visiva in modo da rafforzare le competenze necessarie per affrontare al meglio la scuola primaria e relazionarsi consapevolmente con l’ambiente circostante.

Alcuni esempi di attività:

  • Area verbale: riconosci le lettere, suoni simili, lettera iniziale, sillaba iniziale e finale, vocali mancanti, la parola più corta, cosa manca?
  • Area del precalcolo: dal più piccolo al più grande e contrario, tutti, pochi, nessuno, schema incompleto, collega gli insiemi e i numeri, collega le immagini.
  • Logica: sequenze, indovinelli, associazioni, qualcosa in comune, cosa c’è di strano?, l’intruso, immagini uguali, elementi in comune, elementi mancanti, osserva e trova, prima/durante/dopo.

Per l’area grafo motoria specifica vi consiglio questi due libri:

“Gioca, traccia e colora” di Giulia Alfieri e Maria Di Fiore Casa Editrice Vestigium

Per l’area grafo-motoria questo è adatto dai 4 anni in su ed è davvero completo. I bambini possono così sviluppare confidenza e precisione nel tracciare in modo coinvolgente e divertente con esercizi diversificati, tra cui: labirinti, ripassare i tratteggi, unire i puntini e colorare, colorare abbinando la legenda data, completare le cornicette, completare le serie, osservare i disegni indicando le parti mancanti e completando le figure. L’ultima parte è dedicata al seguire prima il tratteggio e poi al completamento di lettere in stampatello maiuscolo in ordine alfabetico e con l’immagine della parola che inizia con quel suono e di numeri associati alla quantità.

“I miei fantastici labirinti” Nuova edizione Casa editrice Vestigium

Una nuovissima raccolta di labirinti adatta dai 4 anni in su. La particolarità è che ciascun labirinto è ambientato in un contesto differente, per rendere ogni tavola un’esperienza nuova e divertente. Il bambino dovrò aiutare il personaggio di turno a trovare la strada più breve per raggiungere la destinazione evitando gli ostacoli presenti nel percorso.

Ad esempio Cappuccetto Rosso dovrà andare dalla nonna facendo attenzione a non incontrare il lupo, o Cristoforo Colombo dovrà raggiungere l’America evitando le insidie del mare. Nota in più: per ogni labirinto c’è una piccola storia iniziale che spiega l’obiettivo da raggiungere, in alcuni ci sono riferimenti storici molto interessanti anche per i più grandi.

Ricordiamo che i labirinti non sono solo tracce, ma allenano il problem setting e il problem solving, entrambe abilità di risoluzione del problema ed importanti capacità visto-spaziali e di orientamento grafico. Anche questo lo adoriamo!

Vi sono piaciuti?A noi molto e anche se partiamo dicendo “facciamo solo due pagine”… va quasi sempre a finire che ne facciamo di più e a chiedermelo è proprio Nicola.

Buon allenamento e fatemi sapere come vi trovate.

Parole di mamma – Esperienze di una mamma logopedista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *